Contattaci: +39 0583 327790 - [email protected]

Orari di apertura : Lun /Ven 07.30 – 13 e 15 - 19 | Sab 07.30 - 13

All posts by Francesco

Campagna prevenzione ecografica

In data sabato 6 aprile e sabato 27 aprile al Centro di Sanità Solidale verranno effettuate due campagne di prevenzione gratuite rivolte ai soci dell’associazione “Amici del Cuore” di Lucca: il 6 aprile la campagna ecografica della mammella; mentre in data 27 aprile la campagna ecografica dell’addome.
Entrambe le campagne verranno effettuate dal Dott. Cascini.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni vi invitiamo a telefonare al Centro di Sanità Solidale.

Read More

Campagna cardiologica gratuita al Centro di Sanità Solidale

La Campagna di prevenzione cardiologica consiste in una visita cardiologica completa con l’elaborazione personalizzata della Carta del Rischio Coronarico.
La carta del rischio viene elaborata sulla base di dati clinici del paziente:
– Storia clinica familiare,
– Storia clinica della persona e valutazione dei dati antropometrici,
– Esami del sangue recenti: colesterolo totale, HDL, LDL, trigliceridi, glicemia.
– Visita cardiologica con:
– esami diagnostici strumentali eseguiti all’interno della visita: elettrocardiogramma basale, ecocardiogramma colordoppler, misurazione dei parametri vitali ossia pressione arteriosa, frequenza cardiaca e SpO2.
Al termine della visita e alla luce dei risultati ottenuti, il Cardiologo rilascia il referto della visita e la carta del rischio personalizzato del paziente.
La Campagna di prevenzione cardiologica si svolgerà su appuntamento tutti i sabati mattina a partire da sabato 09.03.2019 per un mese.
Questa campagna è totalmente gratuita grazie alla collaborazione con il CESVOT.
Read More

Campagna nutrizionale gratuita al Centro di Sanità Solidale

La Campagna di prevenzione nutrizionale prevede un incontro conoscitivo con la nostra Nutrizionista, Dott.ssa Beatrice Francioni, per discutere le abitudini alimentari attuali della persona e valutarne insieme la correttezza. Inoltre è valutato lo stato fisico e nutrizionale della persona attraverso:
– misurazione dei parametri antropometrici: altezza, peso, circonferenze.
– determinazione dell’Indice di Massa Corporea.
– analisi bioimpedenziometrica  della composizione corporea: massa magra attiva, massa extracellulare, massa grassa, idratazione dei tessuti (ritenzione/disidratazione), integrità delle membrane cellulari.
– valutazione della necessità o meno di un intervento nutrizionale.
Questa campagna verrà svolta su appuntamento tutti i lunedì pomeriggio a partire da lunedì 11.03.2019 e avrà la durata di 1 mese.

Questa campagna è totalmente gratuita grazie alla collaborazione con il CESVOT.

Read More

Venerdì 22 febbraio lezione sulle Manovre Salvavita Pediatriche a cura della CRI di Lucca e con la partecipazione del Dott.Domenici

Venerdì 22 febbraio alle ore 21 presso il Centro di Sanità Solidale in via dei Pubblici Macelli n.101 si terrà una serata sulle manovre salvavita pediatriche da parte degli istruttori della Croce Rossa Italiana del comitato di Lucca con la partecipazione del Dott. Raffaele Domenici, pediatra  presso il Centro di Sanità Solidale.
La serata sarà così strutturata:
la prima parte dell’incontro il Dott. Domenici parlerà delle convulsioni febbrili e sarà a disposizione del pubblico per eventuali domande.
La seconda parte sarà dedicata alla lezione sulle manovre salvavita pediatriche con gli istruttori CRI di Lucca.

La serata è rivolta a tutti vista l’importanza delle tematiche trattate ed è totalmente GRATUITA.
E’ richiesta soltanto l’iscrizione all’evento chiamando il Centro di Sanità Solidale al numero 0583 327790 oppure scrivendo all’indirizzo di posta elettronica [email protected]

NON MANCATE!!!

Read More

Il Centro di Sanità Solidale collabora con la palestra Saitama Fitness

Alimentazione e attività fisica: il binomio del benessere e della prevenzione!
Una regolare e corretta attività fisica è fondamentale per il benessere del nostro
organismo: contribuisce a migliorare la qualità della vita in quanto influisce positivamente
sia sullo stato di salute che sul grado di soddisfazione personale. L’esercizio fisico, infatti,
riduce la pressione arteriosa, controlla il livello di glicemia, modula, positivamente il
colesterolo nel sangue, aiuta a prevenire le malattie metaboliche, cardiovascolari,
neoplastiche, le artrosi e riduce il tessuto adiposo in eccesso. Inoltre, riduce i sintomi di
ansia, stress, depressione e comporta benefici evidenti per l’apparato muscolare e
scheletrico.
Il segreto di uno stile di vita sano e del benessere fisico è, quindi, combinare una corretta
alimentazione ad un esercizio fisico mirato e personalizzato a seconda della fisicità
di ognuno di noi.
Sia l’alimentazione che l’attività fisica devono essere personalizzati sulla persona: stile di
vita, abitudini alimentari, metabolismo, costituzione corporea, postura o condizioni
patologiche particolari sono tutti fattori da tenere in considerazione per strutturare un
percorso su misura.

Dal desiderio di offrire un servizio completo e di qualità nasce la collaborazione con
SAITAMA FITNESS (www.saitamafitness.com), studio di personal training fondato da
professionisti del settore, laureati e certificati dalle federazioni più prestigiose nel campo
del fitness.
Abbiamo ideato 3 pacchetti con l’obiettivo di combinare un piano alimentare specifico ad
un percorso di allenamenti completamente personalizzato.
I diversi pacchetti comprendono due ingressi settimanali presso il centro Saitama
Fitness(V.le Giuseppe Giusti 273 int.8 Lucca), l’elaborazione di una dieta
personalizzata e un sistema di controlli con analisi bioimpedenziometrica della
composizione corporea a cura della Dott.ssa Beatrice Francioni, Biologa
Nutrizionista presso il nostro Centro di Sanità Solidale Amici del Cuore.

Abbonamento trimestrale :
• Due ingressi a settimana per 3 mesi presso Saitama Fitness
• Prima visita con consegna del piano alimentare personalizzato + 3 controlli

Abbonamento semestrale:
• Due ingressi a settimana per 6 mesi presso Saitama Fitness
• Prima visita con consegna del piano alimentare personalizzato + 6 controlli

Abbonamento annuale:
• Due ingressi a settimana per 12 mesi presso Saitama Fitness
• Prima visita con consegna del piano alimentare personalizzato + 12 controlli

Per informazioni sui pacchetti:
Beatrice Francioni: 3479170834 – [email protected]
Saitama Fitness:3396086258 – [email protected]
Per i clienti SAITAMA è inoltre previsto un prezzo convenzionato (sconto del 10%) sul
servizio di scienze dell’alimentazione, fisioterapia e medicina sportiva.

Read More

La tessera soci 2019 dell’Associazione “Amici del Cuore” di Lucca

Il Centro di Sanità Solidale è il poliambulatorio specialistico creato dall’associazione “Amici del Cuore” di Lucca. È una realtà solidale della sanità che permette ai cittadini di poter accedere in tempo rapido, senza liste di attesa e senza costi onerosi a visite specialistiche di alta professionalità.
Inoltre, il cittadino ha la possibilità di iscriversi come socio dell’associazione Amici del Cuore e godere di alcuni vantaggi che andiamo ad illustrare di seguito.
Il cittadino che si iscrive all’associazione, con il versamento di una quota associativa annuale di 40 euro, ha diritto ad avere:
– il 15% su tutte le visite specialistiche e gli esami strumentali diagnostici;
– il 10% sugli esami ematochimici del nostro punto prelievo di Biolabor scrl;
– al 8% di sconto sui cicli di fisioterapia, sulle sedute di agopuntura e percorsi di psicoterapia.
– usufruire in forma gratuita e, quando previsto, con un’ offerta libera, alle campagne di prevenzione che vengono svolte periodicamente all’interno del Centro di Sanità Solidale.
Read More

Il piede diabetico. Cura e prevenzione.

Cos’è il piede diabetico?

Le regole base per la cura e la prevenzione

Il piede diabetico è una condizione che interessa le persone affette da diabete di tipo 1 e di tipo 2, una condizione che comporta una ulcerazione che può manifestarsi a livello del piede o a livello delle caviglie. La causa del piede diabetico è collegata ad una riduzione della sensibilità negli arti del paziente, riduzione provocata appunto dal diabete mellito, che può danneggiare i nervi degli arti inferiori e dei piedi. Come conseguenza di tale riduzione della sensibilità, si registra una difficoltà nell’avvertire la presenza di corpi estranei all’interno della calzatura, una difficoltà nella deambulazione e una riduzione della percezione della temperatura proprio alle estremità.

Accade così frequentemente che alcuni pazienti ,in maniera del tutto casuale, scoprano di avere una o più ferite sui piedi.

Tali lesioni possono – se non trattate in maniera adeguata – peggiorare e di conseguenza infettarsi, arrivando a rendere necessari trattamenti importanti, come ad esempio l’amputazione di un dito o del piede.

I sintomi del piede diabetico consistono in un arrossamento della parte, gonfiore o la presenza di vesciche nel piede, difficoltà nel camminare, dolore, cambiamento del colore della pelle nel piede, febbre. Questa sintomatologia è comunque piuttosto relativa e la cosa più giusta da fare per capire se siamo davvero nella condizione di piede diabetico è quella di rivolgersi al proprio diabetologo di fiducia che, attraverso esami strumentali e indagine clinica valuterà la presenza o meno di questa complicanza e anche il rischio di formazione dell’ulcera del paziente.

I fattori di rischio del piede diabetico, oltre alla condizione patologica di base, sono il fumo, l’arteriopatia, il sovrappeso, una sudorazione patologica.

Qualora si accerti la presenza di piede diabetico ci sono alcune norme da rispettare in maniera attenta e precisa perché l’unica vera arma che abbiamo a disposizione è la prevenzione: il soggetto dovrà ispezionare per bene i piedi, dovrà evitare di camminare senza scarpe, dovrà evitare le fonti di calore dirette sulla parte (borsa calda, caminetto, stufa, …), dovrà curare eventuali calli e il taglio delle unghie con l’aiuto di un podologo esperto, e dovrà sottoporsi ad una accurata visita dal medico almeno una volta all’anno, per controllare approfonditamente lo stato di salute dei piedi.

E’ importante ricordare ai pazienti che migliorando la condizione di base attraverso la terapia , l’esercizio fisico e l’alimentazione la probabilità di incorrere in questa complicanza, e anche nelle altre , si riduce in maniera importante.

Vogliamo approfondire meglio proprio il tema della corretta alimentazione.

La prevenzione inizia a tavola.

Una corretta e bilanciata alimentazione e uno stile di vita attivo sono fattori fondamentali nella prevenzione di numerose patologie croniche e metaboliche come il diabete di tipo 2. Come fare? Per alimentazione equilibrata si intende uno regime alimentare completo di tutti i nutrienti nelle giuste quantità. Particolare attenzione va rivolta alla qualità del carboidrati, limitando l’assuzione degli zuccheri semplici a rapido assorbimento come il saccarosio e prediligendo zuccheri complessi a minore indice glicemico come l’amido. Le fibre devono essere presenti in quantità elevata poichè riducono e rallentano l’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale mantenendo la glicemia più stabile. Ottime fonti di fibre sono la frutta e la verdura, i legumi e i cereali integrali. Anche proteine e grassi di qualità sono importanti all’interno di un’alimentazione bilanciata e vanno correttamente inseriti nella dieta. Per quanto riguarda le proteine, alternare proteine vegetali come quelle contenute nei legumi e nei cereali integrali alle proteine animali della carne, del pesce, delle uova e dei latticini. Ridurre l’assunzione dei grassi saturi e idrogenati in favore dell’utilizzo di olio extra vergine di oliva, frutta secca a guscio e pesce azzurro. Da non dimenticare di abbinare uno stile di vita attivo: l’OMS raccomanda 150 minuti a settimana di attività fisica di moderata intensità.

Articolo scritto dalla Dott.ssa Aurora Andreucci, Podologa e dalla Dott.ssa Beatrice Francioni, Biologa – Nutrizionista. Entrambe svolgono la propria attività all’interno del Centro di Sanità Solidale.

Read More

La dieta vegetale senza carenze nutrizionali: è possibile?

Per alimentazione corretta e equilibrata si intende un regime alimentare che apporti tutti i
nutrienti nelle giuste quantità, sia per quanto riguarda i macronutrienti ovvero carboidrati,
proteine e grassi, sia per quanto riguarda i micronutrienti, ovvero vitamine e minerali.
Con il passare degli anni c’è sempre più attenzione sull’alimentazione e sulla sostenibilità
ambientale e sempre più persone scelgono di escludere carne e pesce dalla loro dieta. E’
possibile scegliere di seguire una dieta vegetariana o vegana senza incorrere in carenze
nutrizionali?

Iniziando dalla definizione, si intende per vegetarianismo uno stile di vita che escluda
l’utilizzo di alimenti animali e, nelle forme più radicali, anche alimenti derivati come latte,
uova, formaggi e miele sulla base di principi etici, ambientali, salutistici o religiosi.

Sicuramente, l’alimentazione a base vegetale ha un minor impatto sull’ambiente e
sull’economia rispetto all’alimentazione onnivora dato che, a parità di proteine, la
produzione di alimenti vegetali come i legumi comporta un minor sfruttamento delle risorse
acqua e terreno e una sostanziale diminuzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera
rispetto alla produzione di carne e alimenti di origine animale.
Quindi, indipendentemente dalle scelte etiche sullo sfruttamento animale, diminuire il
consumo di carne a favore di legumi e cereali è sicuramente un atto di responsabilità nei
confronti del pianeta e delle nuove generazioni.

Arrivando ai consigli alimentari, ci sono punti sui quali porre l’attenzione perchè
maggiormente a rischio di carenza:

• Attenzione al giusto apporto di proteine: via libera a legumi, cereali integrali e derivati
della soia come tofu o tempeh. Attenzione al seitan, le cui proteine derivano dal glutine.
L’apporto di proteine deve essere ben bilanciato per supportare e mantenere un buon
tono muscolare.

Acidi grassi polinsaturi: escludendo il pesce, le migliori fonti vegetali di omega 3 sono
semi di lino macinati (o olio di semi di lino mantenuto in frigorifero) oppure le noci.
Buone fonti di omega 6 invece sono l’olio di semi di girasole, di mais, di vinaccioli, di soia
e la frutta secca a guscio.
La vitamina D: questa vitamina si trova soprattutto nei cibi di origine animale per cui, nei
regimi vegetali, ricorrere all’utilizzo di cibi fortificati come bevande vegetali o cereali da
colazione è sicuramente una saggia scelta. Il fattore più importante per la sintesi della
vitamina D resta comunque l’esposizione alla luce solare.
Vitamina B12: la vitamina B12 è contenuta negli alimenti di origine animale e,
generalmente, solo il regime alimentare vegano necessita di integrazione. Non è raro
però che anche l’alimentazione vegetariana, nonostante l’inclusione di latte, uova ecc,
porti ad una diminuzione delle riserve di B12 per cui è opportuno verificarne il corretto
apporto con analisi del sangue periodiche. L’utilizzo di integratori di sintesi batterica è
sufficiente a prevenire questa carenza.
Il ferro: questo minerale è meno assimilabile quando ottenuto da fonti vegetali. Per
convertire il ferro nella forma maggiormente disponibile e quindi per potenziarne
l’assorbimento è consigliato abbinare al pasto una fonte di vitamina C (es. succo di
limone come condimento, peperone crudo, kiwi, arancia, brassicacee scottate..).
Lo zinco: lo zinco è presente anche in alimenti di origine vegetale come cereali e
legumi, ma spesso risulta poco disponibile a livello intestinale per la presenza di
molecole nei cibi vegetali definite “antinutrienti” che ne impediscono l’assorbimento. Per
intattivare queste molecole, di cui i legumi sono ricchi, occorre una corretta preparazione
(risciacquo accurato, lungo ammollo, lunga cottura oppure germinazione/fermentazione..).

Per tutti questi motivi, improvvisarsi vegetariani o vegani senza essere informati
sull’argomento è rischioso: qualsiasi tipo di alimentazione deve essere ben bilanciato, a
maggior ragione i regimi a esclusione. E’ quindi sempre opportuno rivolgersi ad un
professionista che valuti la correttezza e la completezza della dieta.
Quindi, per rispondere alla domanda iniziale: si può essere vegetariani o vegani senza
incorrere in carenze nutrizionali? La risposta è si, ma solo se fatto con cognizione di
causa.

Beatrice Francioni Biologa Nutrizionista
ONB Sez. A n° 076674

Read More